A NOSTRA INSAPUTA POTREMO ESSERE GUARITI firma ora

Noi cittadini disabili, giorno dopo giorno, nel silenzio di esistenze anonime, con il supporto delle famiglie, con la solidale rete di associazioni a noi vicine o da noi fondate, con grande dignità, ci impegniamo caparbiamente per dar evidenza a¬l valore del nostro esserci. Tante e molteplici sono le narrazioni di vissuti violentati dalla malattia nei quali è ancora possibile scorgere frammenti di amicizie autentiche, di umanità che si mescolano, di spiritualità anche provane che intensamente si offrono l’una all’altra.
Basterebbe poco a voi cittadini abili, sempre più forviati da vergognose e scandalose campagne mediatiche contro il falso invalido, per accorgervi della verità, per appurare la forza interiore, la volontà indomita di tanti di noi che ogni giorno si proclamano esseri umani nonostante una patologia invalidante
Per lo Stato italiano, dal momento che l’INPS è un ente pubblico, può essere che


A NOSTRA INSAPUTA POTREMO ESSERE GUARITI


e senza nemmeno essere parenti di quel già noto Ministro allo Sviluppo Economico.

Noi cittadini disabili della Repubblica italiana, firmatari della presente lettera manifesto, avvertiamo la più forte e grande irritazione verso le inutili e volutamente vessatorie visite mediche di verifica. Le quali visite percepiamo come offese alla nostra dignità, alla nostra onestà e al nostro senso civico. Per le quali offese intendiamo intraprendere molteplici iniziative per promuovere una nuova consapevolezza democratica in riferimento agli obblighi della Repubblica sanciti dall’articolo 3 della nostra Costituzione: una volta accertata e certificata dagli enti pubblici preposti la permanente patologia invalidante, spetta esclusivamente alla magistratura disporre verifiche mediche di quanto certificato in base a specifiche ipotesi di reato.
Non essendoci pervenuti avvisi di garanzia, l’arbitraria e unilaterale iniziativa di controllo dell’INPS potrebbe giustificare ricorsi e rivalse ai sensi dell’articolo 28 della nostra Costituzione: ogni richiesta di verifica di quanto già certificato, fuori da un procedimento giudiziario, è una intollerabile aggressione al cittadino che ne offusca gravemente la reputazione e l’onorabilità. Dal momento che siamo dei possibili furfanti, noi cittadini disabili pretendiamo di rispondere del nostro presunto crimine in Tribunale!

Confidando nel medesimo senso civico del popolo italiano, animato da sempre da un autentico spirito solidale, ci appelliamo per un supporto concreto, secondo le forme e le modalità liberamente scelte ed elaborate, al fine di perseguire pienamente gli obiettivi, di volta in volta, democraticamente concordati.

anostrainsaputa@tecnologicamenteabili.it

Firma La Petizione

Firma con Facebook
O

Se disponi già di un account esegui il login, altrimenti procedi alla registrazione e firma riempiendo i campi qua sotto.
Email e password saranno i tuoi dati account, potrai così firmare altre petizioni dopo aver eseguito il login.

Privacy nei motori di ricerca? Usa un soprannome:

Attenzione, l'email deve essere valida al fine di poter convalidare la tua firma, altrimenti verrà annullata.

Confermo la registrazione ed accetto Uso e limitazioni dei servizi

Confermo di aver preso visione della Privacy Policy

Acconsento al Trattamento dei dati personali

Bacheca

Chi ha firmato questa petizione ha visto anche queste campagne:

Firma La Petizione

Firma con Facebook
O

Se disponi già di un account esegui il login

Commento

Confermo la registrazione ed accetto Uso e limitazioni dei servizi

Confermo di aver preso visione della Privacy Policy

Acconsento al Trattamento dei dati personali

Obiettivo firme
41 / 10000

Firme Recenti

vedi tutte le firme

Informazioni

Tags

disabili, handicap, inps

Condividi

Invita amici dalla tua rubrica

Codici Per Incorporamento

URL diretto

URL per html

URL per forum senza titolo

URL per forum con titolo

Widgets