Appello all'unità del Partito firma ora

APPELLO ALL'UNITA' DEL PARTITO
rivolto ai Dirigenti del Partito Democratico
della Provincia di Torino




"Il guaio non è il pluralismo delle correnti ideali, ma il fatto che queste non esistono se non come cordate elettorali."
Alfredo Reichlin su l’Unità

“Oggi qui non si apre una pagina nuova: qui si comincia a chiudere una pagina vecchia. La pagina nuova la apriamo noi, noi la apriamo!”: Pier Luigi Bersani ha chiuso così la sua dichiarazione di voto alla Camera nel dibattito sulla fiducia al governo (29 settembre 2010), una dichiarazione che ha mostrato con chiarezza come il PD abbia ritrovato vigore nel rilanciare le ragioni della nostra opposizione al governo e della nostra capacità di essere davvero alternativi alla destra ed alla Lega. È l’inizio di un cammino che a breve potrebbe portarci a candidare il nostro partito alla guida dell’Italia e noi, a partire dai territori, abbiamo il compito di farci trovare pronti.

Per questo ci rivolgiamo al Partito Democratico inteso come comunità di iscritti, dirigenti, militanti. Ci rivolgiamo a quanti, per il loro ruolo, per il prestigio e la credibilità di cui godono, possono in queste ore modificare l’inerzia con la quale ci si sta avviando verso l’appuntamento congressuale per il rinnovo dei circoli e degli organismi provinciali: il nostro obiettivo deve essere quello di avere un segretario forte, credibile, con un mandato pieno, con la titolarità e l’autonomia derivante da una trasparente e sincera investitura da parte del corpo attivo del partito, da parte dei circoli.

Ci pare di comprendere, invece, che oggi il partito democratico della provincia di Torino si ritrovi ostaggio di uno scontro di posizionamento e di reciproca interdizione fra pochi esponenti di correnti sempre più lontane dal profilo di aree politico culturali e sempre più coincidenti con i comitati elettorali di singoli o di gruppi. Il confronto sul profilo politico del prossimo segretario - legittimo e doveroso – deve essere visibile, trasparente e aperto alla partecipazione di tutto il partito, mentre oggi ci pare confinato nel chiuso di stanze lontane e separate dai luoghi nei quali dovrebbe svolgersi la nostra vita democratica interna. Stanze nelle quali ci sembra che il confronto non sia su opzioni programmatiche o discriminanti politiche ma sulla ricerca, peraltro al momento infruttuosa, di un “nuovo”
estenuante equilibrio tra gli interessi e le ambizioni di chi vi partecipa.

Non è di questo che ha bisogno il PD, non è questo ciò che si attendono i nostri iscritti e i nostri elettori, i militanti volontari che mantengono vivi e vitali gli oltre 100 circoli e che cercano di dare corpo e anima alle idee di unità del partito e di radicamento territoriale, i tanti amministratori che cercano, fra mille difficoltà, di dare risposte ai bisogni ed alle difficoltà delle persone e che hanno, oggi più che mai, necessità di essere sostenuti e tutelati dal loro partito.

Non è questo il PD che serve a Torino e all’Italia.

In un Paese che ancora oggi fatica a riconoscersi in comunità nazionale, in cui gran parte dei poteri di fatto si sono ormai sottratti al controllo politico, in cui prospera un sistema economico dominato da grandi consorterie affaristico-politiche e dove aumenta il peso delle rendite e dell’economia illegale, è necessaria ora la costruzione di un grande soggetto di elaborazione e proposta politica collettiva. Un Partito che si chiama Democratico perché si assume il compito di rigenerare la democrazia italiana, dando voce e rappresentanza a quella larga parte degli italiani che studiano, lavorano, producono generano ricchezza materiale e immateriale e che, in quest’Italia, non hanno voce.

Il PD torinese, invece, è spesso immobile e silente. Fa fatica ad avere la credibilità per affrontare le sfide che ci attendono: l’affermazione di un’opposizione efficace alle politiche della giunta regionale e la costruzione di una valida alternativa a Cota e alla Lega, alternativa fondata su qualcosa di più solido delle speranze di successo dei ricorsi elettorali. L’avvio di un vero processo di costruzione della proposta di governo per la città di Torino che è molto di più del parteggiare per un possibile candidato piuttosto che un altro.

Siamo convinti che oggi più che mai servano un segretario e una segreteria non più subordinati alla tutela delle correnti; un segretario disposto e anzi convinto a ricercare la propria legittimazione in una proposta politica e di governo del partito chiara, aperta, conoscibile.

Vi chiediamo pertanto di ricercare un segretario che riconosca l’autonomia e la soggettività politica dei territori.

Sin dalla sua nascita il partito dei territori, dei circoli, dei militanti e dei volontari si è fatto trovare pronto ad ogni chiamata. Dobbiamo definitivamente riconoscere che ogni singolo militante è soggetto politico, è partecipe del confronto e dell’elaborazione politica che avviene nei nostri circoli e, quindi, ha diritto di accedere, attraverso la diretta rappresentanza del proprio circolo, alla direzione politica del partito. Ciascun singolo iscritto deve sentirsi dentro un processo politico collettivo che conduce a prendere decisioni. Dal basso verso l’alto.

Questo partito ha risorse umane, intelligenze e capacità ampie e diffuse: vi chiediamo di ricercare fra queste risorse un uomo o una donna in grado di interpretare davvero il bisogno, non solo di unità, ma di partecipazione diretta e di coinvolgimento degli iscritti e dei dirigenti territoriali.

Vi chiediamo infine di non trasformare il rinnovo degli organismi provinciali e di circolo nelle pre-primarie per il candidato sindaco di Torino e, quindi, nell’ennesima inutile conta a favore dell’ambizione dell’uno o dell’altro pretendente. Proviamo invece, anche attraverso la discussione congressuale, a raccogliere il testimone di un’esperienza amministrativa straordinaria che ci ha visto e ci vede protagonisti; proviamo a costruire una proposta politica credibile e attuale che a partire dalla forza della nostra rappresentanza rinnovi il patto con le forze produttive e sociali della città.

Da oggi e per le prossime settimane, per i prossimi mesi, il Paese intero dovrà decidere se voltare finalmente pagina, liberandosi definitivamente da Berlusconi e, soprattutto, dal berlusconismo. Il PD dovrà essere forte e credibile nella sua proposta politica, nella sua capacità di relazione con le altre forze politiche e con la società, nel profilo e nell’autorevolezza del suo gruppo dirigente. Questo non è il momento di perdersi in discussioni auto-referenziali e sterili.

È – piuttosto – il momento del coraggio e della generosità, dello sguardo alto, capace di esprimere una proposta politica concretamente alternativa.

Per questo rivolgiamo un appello accorato ai dirigenti provinciali e regionali in nome dell’unità del Partito: rimuovete gli ostacoli che inchiodano il nostro Partito all’immobilismo e all’afasia, individuate una figura nella quale tutti possano riconoscersi, in un processo politico aperto, trasparente, democratico, plurale e finalizzato a mettere al centro le idee, l’azione sui territori, la proposta politica.

01 ottobre 2010



SOSTENITORI, IN ORDINE ALFABETICO (per nome):

Alessandro Gozzelino
Alice Arena
Angela Carlone
Augusto Montaruli
Barbara Spinello
Benedetta Ciampi
Bocar Kassambara
Bruno Ravina
Claudia Cominotti
Claudia Tosco
Claudio Ferrentino
Cristina Bargero
Cristina Galatà
Dario Cucco
Diego Castagno
Emanuela Guarino
Erik Cenci
Fabrizio Caneva
Filomena Pucci
Franca Avataneo
Francesca Zucca
Francesco Mele
Gabriele Bollei
Gianni Garbarini
Giuseppina Canuto
Graziana Ferretto
Igor Pesando
Ilda Curti
Ivano Fucile
Jacopo Suppo
Laura Onofri
Laura Sandrone
Lorena Rosiello
Lorenzo Puliè Repetto
Luca Verre
Malvina Brandajs
Marco Quattrocchi
Mariagrazia Pellerino
Mario Sechi
Mario Steffenino
Marisa Cortese
Marta Levi
Massimo Paolini
Matteo Franceschini Beghini
Mattia Cogato
Nico De Leonardis
Noemi Gallo
Paola Parmentola
Paolo Benedetti
Pier Paolo Soncin
Pierluigi Pautasso
Raffaele Scassellati
Riccardo C.G. Tassone
Rocco Rizzo
Rosanna Barello
Samuele Rocca
Sara Marconi
Serena Sasanelli
Silvia Cosentino
Simona Vlaic
Tiziana Eliantonio

Firma La Petizione

Firma con Facebook
O

Se disponi già di un account esegui il login, altrimenti procedi alla registrazione e firma riempiendo i campi qua sotto.
Email e password saranno i tuoi dati account, potrai così firmare altre petizioni dopo aver eseguito il login.

Privacy nei motori di ricerca? Usa un soprannome:

Attenzione, l'email deve essere valida al fine di poter convalidare la tua firma, altrimenti verrà annullata.

Confermo la registrazione ed accetto Uso e limitazioni dei servizi

Confermo di aver preso visione della Privacy Policy

Acconsento al Trattamento dei dati personali

Bacheca

Chi ha firmato questa petizione ha visto anche queste campagne:

Firma La Petizione

Firma con Facebook
O

Se disponi già di un account esegui il login

Commento

Confermo la registrazione ed accetto Uso e limitazioni dei servizi

Confermo di aver preso visione della Privacy Policy

Acconsento al Trattamento dei dati personali

Obiettivo firme
55 / 1000

Firme Recenti

vedi tutte le firme

Informazioni

simona vlaicDa:
Politica e GovernoIn:
Destinatario petizione:
Appello ai Dirigenti del Partito Democratico della Provincia di Torino

Tags

appello, democratico, partito, provincia, torino, unità

Condividi

Invita amici dalla tua rubrica

Codici Per Incorporamento

URL diretto

URL per html

URL per forum senza titolo

URL per forum con titolo

Widgets