APPELLO CONTRO L'ARCHEOCONDONO firma ora

Una norma contenuta nella Finanziaria, "Disposizioni in materia di emersione e catalogazione di beni archeologici, nonché revisione delle sanzioni penali", il cosiddetto “archeocondono”, depenalizzerà il possesso illecito dei beni archeologici consegnando il patrimonio archeologico italiano nelle mani di chi sino ad oggi lo ha depredato.

Negli anni scorsi più volte proposta e poi ritirata per le proteste del mondo della cultura, questa volta la norma finirà nella legge finanziaria, che sarà sottoposta in Parlamento al voto di fiducia in blocco e, quindi, con tutta probabilità approvata.
Il fine dichiarato è quello di far emergere un patrimonio sommerso e di consentirne la catalogazione. In realtà la norma di fatto si rivelerà un enorme regalo ai tombaroli e alle organizzazioni criminali dedite agli scavi clandestini e ai traffici illeciti internazionali di antichità, le cosiddette archeomafie.

Non si tratta, infatti, del condono del coccio o del vasetto di ceramica comune che il contadino ha fortuitamente trovato nel suo campo o che l’appassionato può aver incautamente acquistato, ma di una indiscriminata legalizzazione dei beni archeologici frutto di scavi clandestini e dunque illecitamente sottratti alla collettività, con irrimediabile danno per i reperti stessi e soprattutto per i contesti di provenienza.

Se la norma sarà approvata, chiunque detenga beni archeologici, anche se provenienti da scavi clandestini, potrà ottenere dallo Stato una "concessione in deposito" della durata di trent'anni, rinnovabili. Basterà dichiarare di possedere questi beni archeologici già prima del 31 dicembre 2009 e pagare una modesta sanzione. I beni così “legalizzati” probabilmente potranno anche essere trasferiti in eredità e persino venduti.
La competente Soprintendenza potrà solo eventualmente contestare la valutazione fatta e chiedere un'integrazione.

Da un giorno all’altro la legge trasformerà, dunque, ope legis i “tombaroli” e gli “archeomafiosi” cui le nostre forze dell’ordine e la magistratura danno la caccia, in collezionisti e manager dei beni culturali, che con le opere sottratte al patrimonio pubblico, a tutti noi, potrebbero mettere, legalmente, attività commerciali, musei e gallerie d’arte.

Dal momento di approvazione della legge sino al termine di presentazione delle richieste di condono, si scatenerebbe, inoltre, la più grande mai vista “caccia alle antichità” e devastazione delle aree archeologiche del Paese, con un epocale ed irrimediabile danno al nostro patrimonio culturale.

Invitiamo tutto il mondo dei beni culturali e della cultura, tutta la cittadinanza italiana e tutti coloro i quali, in Italia e all’estero, hanno a cuore il patrimonio archeologico e artistico italiano, che costituisce l’identità culturale stessa della nostra Nazione e un patrimonio di tutta l’Umanità, tutelato dalla nostra Costituzione, alla mobilitazione contro questa norma, che renderebbe vana nel nostro Paese qualsiasi attività lecita di tutela e di ricerca archeologica.

Noi sottoscritti, facciamo appello al Presidente della Repubblica, a tutte le forze politiche e a tutti gli uomini di buona volontà a fermare questo colpo mortale al patrimonio culturale italiano.

Firma La Petizione

Firma con Facebook
O

Se disponi già di un account esegui il login, altrimenti procedi alla registrazione e firma riempiendo i campi qua sotto.
Email e password saranno i tuoi dati account, potrai così firmare altre petizioni dopo aver eseguito il login.

Privacy nei motori di ricerca? Usa un soprannome:

Attenzione, l'email deve essere valida al fine di poter convalidare la tua firma, altrimenti verrà annullata.

Confermo la registrazione ed accetto Uso e limitazioni dei servizi

Confermo di aver preso visione della Privacy Policy

Acconsento al Trattamento dei dati personali

Bacheca

Chi ha firmato questa petizione ha visto anche queste campagne:

Firma La Petizione

Firma con Facebook
O

Se disponi già di un account esegui il login

Commento

Confermo la registrazione ed accetto Uso e limitazioni dei servizi

Confermo di aver preso visione della Privacy Policy

Acconsento al Trattamento dei dati personali

Obiettivo firme
3931 / 5000

Firme Recenti

  • 14 settembre 20133931. cinzia melis
    Sottoscrivo questa petizione
  • 15 agosto 20133930. Riccardo Bruno
    Sottoscrivo questa petizione
  • 14 agosto 20133929. Marcello Pasquale
    Sottoscrivo questa petizione
  • 14 agosto 20133928. Miki18 (non verificato)
    Sottoscrivo questa petizione
  • 14 agosto 20133927. merlinolr
    Sottoscrivo questa petizione
  • 14 agosto 20133926. cinzia curti
    Sottoscrivo questa petizione
  • 10 giugno 20133925. raffaele di giovine
    Sottoscrivo questa petizione
  • 05 dicembre 20123924. Maria Oreto (non verificato)
    Sottoscrivo questa petizione
  • 17 novembre 20123923. arturo martinoli (non verificato)
    Sottoscrivo questa petizione
  • 19 agosto 20123922. Luisa Bordin
    Sottoscrivo questa petizione
  • 25 maggio 20123921. Massimo Bonati
    Sottoscrivo questa petizione
  • 24 maggio 20123920. Carla Fortebracci
    Sottoscrivo questa petizione
  • 19 maggio 20123919. Giuliana Vapore
    Sottoscrivo questa petizione
  • 19 maggio 20123918. Mirko Giardullo
    Sottoscrivo questa petizione
  • 19 maggio 20123917. Alida
    Sottoscrivo questa petizione
  • 18 maggio 20123916. Gioacchina
    Sottoscrivo questa petizione
  • 18 maggio 20123915. Diego
    Sottoscrivo questa petizione
  • 18 maggio 20123914. Eliodoro
    Sottoscrivo questa petizione
  • 18 maggio 20123913. Ernesto Pascariello
    Sottoscrivo questa petizione
  • 17 maggio 20123912. Bice Pavanelli
    Sottoscrivo questa petizione
  • 17 maggio 20123911. Filiberto
    Sottoscrivo questa petizione
  • 17 maggio 20123910. Cristiano
    Sottoscrivo questa petizione
  • 08 maggio 20123909. Eleonora
    Sottoscrivo questa petizione
  • 18 aprile 20123908. Salvo Deriu
    Sottoscrivo questa petizione
  • 22 marzo 20123907. chiara vantaggio (non verificato)
    Sottoscrivo questa petizione
  • 04 marzo 20123906. simone stanisci
    Sottoscrivo questa petizione
  • 02 febbraio 20123905. Valentina Parente
    Sottoscrivo questa petizione

vedi tutte le firme

Informazioni

Tsao CevoliDa:
Cultura e SocietàIn:
Destinatario petizione:
Presidente della Repubblica Italiana, Ministro per i Beni e le Attività Culturali, Parlamentari Italiani, Forze politiche.

Sostenitori ufficiali della petizione:
archeologi e operatori dei beni culturali, associazioni e cittadini per la tutela del patrimonio culturale

Tags

archeocondono, archeologia, archeomafie, beni archeologici., reperti archeologici

Condividi

Invita amici dalla tua rubrica

Codici Per Incorporamento

URL diretto

URL per html

URL per forum senza titolo

URL per forum con titolo

Widgets