Brindisi: NO inceneritore e discarica di rifiuti speciali pericolosi!!! firma ora

 

A Brindisi incombe minaccioso un nuovo, serissimo pericolo: sarà riattivato un inceneritore per rifiuti industriali e una discarica di rifiuti speciali. Ancora veleni a poche centinaia di metri dalla città.

Occorre la mobilitazione di tutti per impedirlo!


Perchè ampliare una discarica che ha già dato tanti problemi?

“l’ARPA ha rilevato la contaminazione della falda sottostante a causa della presenza di solfati, manganese e selenio oltre i limiti di legge”.

“...Una potenziale bomba ecologica...”

“Il liquido rinvenuto nei pozzi di monitoraggio era correlabile al percolato di discarica, e c’era inoltre una possibile dispersione dello stesso causata da una lesione delle strutture di contenimento dei rifiuti”.





Vogliono riattivare un inceneritore di rifiuti pericolosi e ampliare questa discarica - nella nostra campagna - su un terreno coltivato a vigna e carciofi, subito vicino alle nostre case. 
Brindisi dice NO!




Rischiamo di veder incenerire 35.000 tonnellate all’anno, 100 tonnellate al giorno, di rifiuti speciali, tossici e nocivi. Si potranno così stoccare nella nuova discarica di rifiuti speciali, nei pressi di vigne e carciofeti, le ceneri altamente nocive prodotte dall’inceneritore, e i rifiuti industriali e sanitari.
Una nuova bomba ecologica, nuovi ricchi affari per pochi e danni per l’intera collettività.




Da ricerche scientifiche indipendenti è ormai emerso, al di là di ogni ragionevole dubbio, che le sostanze emesse dagli inceneritori si ritrovano stabilmente non solo in aria, acqua e cibo ma anche nei nostri corpi e nel cordone ombelicale.




L’incenerimento dei rifiuti fa male, e ci sono nel mondo fior di studi che dimostrano come nella popolazione che vive nelle vicinanze degli inceneritori aumentino malformazioni genetiche, neoplasie, patologie cardiorespiratorie e disturbi endocrini. Inoltre funge da deterrente per il consolidarsi di buone prassi di riciclaggio, riuso e recupero.




Da una tonnellata di rifiuti bruciata escono una tonnellata di fumi, da 280 a 300 kg di ceneri solide, 30 kg di ceneri volanti (la cui tossicità è enorme), 650 kg di acqua sporca (da depurare) e 25 kg di gesso. Il che significa il doppio di quanto si è inteso “smaltire”, con l’aggravante di avere trasformato il tutto in un prodotto altamente dannoso per la salute.


Firma La Petizione

Firma con Facebook
O

Se disponi già di un account esegui il login, altrimenti procedi alla registrazione e firma riempiendo i campi qua sotto.
Email e password saranno i tuoi dati account, potrai così firmare altre petizioni dopo aver eseguito il login.

Privacy nei motori di ricerca? Usa un soprannome:

Attenzione, l'email deve essere valida al fine di poter convalidare la tua firma, altrimenti verrà annullata.

Confermo la registrazione ed accetto Uso e limitazioni dei servizi

Confermo di aver preso visione della Privacy Policy

Acconsento al Trattamento dei dati personali

Bacheca

Chi ha firmato questa petizione ha visto anche queste campagne:

Firma La Petizione

Firma con Facebook
O

Se disponi già di un account esegui il login

Commento

Confermo la registrazione ed accetto Uso e limitazioni dei servizi

Confermo di aver preso visione della Privacy Policy

Acconsento al Trattamento dei dati personali

Obiettivo firme
163 / 10000

Firme Recenti

vedi tutte le firme

Informazioni

Adriana PiliegoDa:
Verde e AmbienteIn:
Destinatario petizione:
Comune di Brindisi, Provincia di Brindisi, Regione Puglia

Sostenitori ufficiali della petizione:
Brindisi Bene Comune, No al Carbone Brindisi, WWF Brindisi, Fondazione "Di Giuilio"

Tags

brindisi, discarica, inceneritore

Condividi

Invita amici dalla tua rubrica

Codici Per Incorporamento

URL diretto

URL per html

URL per forum senza titolo

URL per forum con titolo

Widgets