Difendiamo l'indennità di accompagnamento firma ora

Il Governo ha presentato, il 29 luglio 2011, il disegno di legge (ddl) n. 4566 recante una delega legislativa per la riforma fiscale e assistenziale, il cui esame è stato avviato dalla Commissione finanze il 7 settembre 2011.
In particolare, l'art. 10 del ddl mira a concentrare le prestazioni socio-assistenziali in favore di soggetti definiti “autenticamente bisognosi”. L'obiettivo è indicato nella relazione al ddl: “moralizzare il sistema frenando il dilagare delle contribuzioni monetarie dirette (in particolare indennità di accompagnamento), ormai fuori controllo in molte realtà geografiche”.
Condividiamo l'obiettivo di moralizzazione, ma non accettiamo il metodo prescelto per realizzarlo: infatti, si intende colpire l'indennità di accompagnamento, sinora concessa al solo titolo della minorazione, sanzionando così i veri invalidi che nell'indennità di accompagnamento hanno storicamente trovato un indispensabile strumento di tutela della loro dignità personale, attenuando con un contributo pubblico il disagio della loro minorazione e le spese che questa comporta.
Questa disposizione del ddl, pertanto, è inaccettabile per i seguenti motivi:
1) rivela l'incapacità del Governo di colpire i falsi invalidi e i loro complici;
2) per affrontare la crisi finanziaria, mira a recuperare risorse eliminando un diritto fondamentale dei veri invalidi come l'indennità di accompagnamento;
3) se si intende perseguire veramente un obiettivo di moralizzazione, si colpiscano la corruzione e gli enormi sprechi di risorse pubbliche dilaganti in altri settori della amministrazione pubblica e della politica italiane.
L'iter di questo ddl è appena gli inizi: dobbiamo lottare per difendere i nostri diritti, prima che siano irrimediabilmente compromessi. Se non siamo uniti, ci toglieranno l'indennità. Cogliamo l'occasione per farci sentire, aderendo alla raccolta di firme di protesta. Dobbiamo essere pronti ad una lotta, senza se e senza ma. Nel silenzio più assoluto si sono aperti i giochi per scippare ai ciechi e agli invalidi l'indennità ottenuta dopo anni di lotte e sacrifici.
Allora, non aspettate nel silenzio la sconfitta, aderite al nostro appello....
LOTTIAMO INSIEME
PER DIFENDERE L'INDENNITA' DI ACCOMPAGNAMENTO
PER ELIMINARE GLI ENORMI SPRECHI DELLA POLITICA ITALIANA

Firma La Petizione

Firma con Facebook
O

Se disponi già di un account esegui il login, altrimenti procedi alla registrazione e firma riempiendo i campi qua sotto.
Email e password saranno i tuoi dati account, potrai così firmare altre petizioni dopo aver eseguito il login.

Privacy nei motori di ricerca? Usa un soprannome:

Attenzione, l'email deve essere valida al fine di poter convalidare la tua firma, altrimenti verrà annullata.

Confermo la registrazione ed accetto Uso e limitazioni dei servizi

Confermo di aver preso visione della Privacy Policy

Acconsento al Trattamento dei dati personali

Bacheca

Chi ha firmato questa petizione ha visto anche queste campagne:

Firma La Petizione

Firma con Facebook
O

Se disponi già di un account esegui il login

Commento

Confermo la registrazione ed accetto Uso e limitazioni dei servizi

Confermo di aver preso visione della Privacy Policy

Acconsento al Trattamento dei dati personali

Obiettivo firme
497 / 5000

Firme Recenti

vedi tutte le firme

Informazioni

Unione Italiana Ciechi e Ipovedenti Consiglio Regionale della CalabriaDa:
Giustizia, diritti e ordine pubblicoIn:
Destinatario petizione:
Presidente Consiglio dei Ministri, Presidente del Senato, Presidente della Camera, Ministro Economia e Finanze

Sostenitori ufficiali della petizione:
Unione Italiana Ciechi e Ipovedenti, Consiglio Regionale della Calabria ONLUS

Tags

accompagnamento, ciechi, indennità, invalidi, sordomuti

Condividi

Invita amici dalla tua rubrica

Codici Per Incorporamento

URL diretto

URL per html

URL per forum senza titolo

URL per forum con titolo

Widgets