Lettera aperta al Partito Democratico firma ora

Caro Partito Democratico,

ti scriviamo nella speranza che queste parole divengano un simbolo del disagio e dello smarrimento vissuto da una parte della nostra generazione, quella parte che ha preferito l’azione e la collettività in contrapposizione alla passività e all’isolamento. Quella parte che ha dedicato energia ed impegno alla costruzione più che all’indifferenza.

Ti scriviamo nella speranza che queste parole e quest’azione possano accendere in te una profonda riflessione che non lasci spazio a motivazioni sciocche o bizzarre , comodi appigli per giustificare ancora una volta che c’è un po’ di te che se ne va.

Questa volta non si parla di un consigliere che cambia bandiera e non si parla neanche di interessi personali o di vantaggi. Non si parla di fretta o insofferenza partecipativa dato che le possibilità ce le stavi dando e neanche di un manipolo di radicali giacobini convinti che il Partito Democratico sia un’aberrazione della coscienza.

Si parla di un gruppo di ragazzi, la base, il tuo trasognato futuro, la speranza, si parla di una classe politica che avresti dovuto costruire e modellare sul tracciato da te segnato, insegnando e proponendo un modello in grado di essere credibile e condivisibile per la sua genuinità, in contrasto all’oscurantismo a tutto tondo da altri propugnato.

Avremmo voluto sentire, palpabile ed emozionato, l’entusiasmo per aver scelto di stare con te. Una giovanile immensa in possibilità e credibilità che cresceva settimana dopo settimana brandendo la tua bandiera, un simbolo che dovrebbe essere garante del rifiuto del malaffare e dell’indifferenza.

Una giovanile che si contava non sulle tessere ma sulla partecipazione alle assemblee.

Questa classe politica giovanile andava tutelata, andava preservata, andava coltivata, andava istruita a un modo di fare le cose che non prevedesse il gioco di palazzo, lo scontro nominale più che su un progetto concreto, i personalismi esasperati alla ricerca di un potere che procura disgusto quando viene immaginato.

Nel momento in cui hai percepito che c’era una nuova forza, una nuova linfa per un ensemble che perde pezzi da quando è nato, non hai pensato a mettere da parte un po’ di quel bellicoso sentimento intestino che non è in grado di costruire ma soltanto di dar mostra di un irriverente e pavonico piumaggio, mero e inutile sfoggio di una forza che non ha nulla a che fare con la sofferenza di chi è smarrito o di chi non ce la fa.

Questo ci hai comunicato e raccontato, soltanto questo, oltre al fatto che hai ben amministrato la città per 12 anni.

Ed è lì che sorge quell’incongruenza che abbiamo tentato di sopprimere, di soffocare, stringendole il collo per non consentirle di esprimersi e farle perdere il fiato: è possibile che l’unica spinta emozionale, l’unico furore che ti muova sia l’amministrare? Possibile che tu non abbia interesse ad educare i cittadini, tu che li rappresenti, a una società migliore, in cui è la solidarietà che vince e l’egoismo viene relegato in angolo buio?

E se di fronte a queste parole stai pensando che in realtà lo hai fatto, fermati un attimo e ascolta la voce di chi si è avvicinato a te e voleva con te condividere un percorso: tu non hai interesse ad educare e forse il problema è a monte, in quell’idea solida e condivisa di giustizia e società che non c’è, nel radicato modo di operare e di gestire le vite degli altri privo di correttezza e di rispetto.

Un giovane che si interessa alla politica lo fa per dare il suo contributo, di certo non per interesse o esigenza di protagonismo. E se quel giovane è abbastanza forte e determinato supera e scavalca il preconcetto che vede la politica come un crogiuolo di nefandezze che non hanno nulla a che fare con il principio di un bene comune.

Anche si avessero le idee migliori e la capacità di realizzare un modello sociale più giusto ed equo, non si può prescindere dalla correttezza e dall’onestà nel ricevere consenso. E’ inutile e ipocrita denigrare quei modelli che nel piccolo si contribuisce a costruire.

E non è sufficiente realizzare un ponte o rifare una strada, scavare una galleria o porre un arco in mezzo alla piazza, per migliorare una qualità della vita che non riesce a prescindere dal sentirsi rappresentati da vigili custodi dell’uguaglianza.

Ma soprattutto il realizzare e il far bene non può avere come compromesso di partenza lo scambio, il favore o la promessa. Dovresti essere il primo a spiegare alle persone che la politica ha bisogno di essere migliore, ha bisogno di svestirsi del ciarpame e dello sporco di cui è stata ammantata e tornare a essere una prospettiva più che un punto d’arrivo.


La politica ha bisogno di sincerità e di decoro.

E’ questo il Partito Democratico che le persone aspettano.

Come si può chiudere un occhio di fronte alle indecenze, di fronte alle scorrettezze, di fronte ai modi tristi e degradanti con i quali alcuni tuoi esponenti prendono consensi?

Per noi stava divenendo un’umiliazione. Era umiliante dover spiegare perché a Tivoli non riuscivi a essere unito e dover motivare il tutto sulla logica di una distribuzione di poltrone interne, perché è di questo che si trattava. E le poltrone erano interne. Quando saranno posti in amministrazione cosa sarà? E cosa è stato?

Era umiliante dover spiegare perché un gruppo di innocenti stesse in piazza pubblicizzando, riqualificandola, l’immagine di chi si è costituito spregevolmente comitato d’affare.

Se questo significa essere un Partito di governo, beh, caro Partito Democratico, più che un arrivederci questo è un addio.

Un po’ di speranza però te la diamo, la speranza che questo modello presto fallisca come ti testimoniano l’assenteismo che cresce giorno dopo giorno e lo scarso appeal che hai sui tuoi stessi elettori. Dovresti essere l’alternativa a quel sistema berlusconistico che prende il nome non dal suo inventore ma dal frutto di un modo di fare, volgare, scorretto, populista, ipocrita, menzognero ed elitario che è divenuto il manifesto di un Paese, dovresti gettare le basi per un domani differente, dissodare il terreno in vista di un futuro dove non ci debba essere diffidenza nei confronti della politica ma partecipazione.


Siamo stanchi perché quando ci fermiamo ad osservarla, quella che scorgiamo davanti agli occhi è una società che ha perso la bussola, affannandosi nella ricerca di una felicità che troppo spesso non contempla la sensibilità, la tranquillità e la serenità donate da una vita umile ma corretta.

E’ un gigantesco e totalizzante Thruman Show di cui ormai il regista ha perso il controllo e dove ognuno non comprende più se è attore o sfortunato protagonista.

La sensazione, e probabilmente ancor prima d’essa la realtà, è quella di un genocidio culturale realizzatosi in seno a un magnetismo sociale imbizzarrito in cui l’interesse aristocratico, nel senso ellenico del termine, vive il suo racconto da protagonista. E questo si realizza su tutte le scale. Un passaggio dal macro al micro che mette in luce le stesse dolorose contraddizioni. Tu dove sei in tutto questo?



Per cultura d’altronde non si intendono solo i libri o la letteratura, non è soltanto l’ispirazione artistica o la buona musica. Alla cultura appartengono i sentimenti, appartiene la logica del pensiero e appartiene l’agire razionale. Alla cultura appartiene il senso stesso della vita perché è la cultura che fornisce un indirizzo e una speranza all’individuo. Ogni uomo è un ente culturale che racchiude in sé un patrimonio di esperienze irripetibili. E quelle esperienze vanno valorizzate e raccontate, vanno prese a modello e premiate, quando hanno a che fare con l’onestà, la preparazione, la trasparenza,il decoro, la solidarietà e l’esigenza del giusto, del buono e del vero.



Mancasse anche una soltanto di queste caratteristiche come si può aver la presunzione di rappresentare qualcun altro?



Se è una società diversa quella che sogni non è questa la strada per arrivarvi. Le poltrone lasciale agli altri, tu occupati della piazza e delle persone che vivono, soffrono e si consumano inseguendo un disagio che invece di diminuire si arrampica sulla curva esponenziale del disastro economico, ambientale e culturale.



Ma forse la verità è che non ci credi neanche più, perché come mi disse il capogruppo comunale: .

Purtroppo lo sbiancare non indicava un calo inspiegabile di melanina, ma produceva lo stesso suono di quel processo che porta il soggetto politico a cedere il passo alla vaghezza e all’indeterminazione, a chiudere un occhio se qualcosa non viene fatto nella maniera opportuna o ovviamente per gli opportuni scopi. Indicava l’unico mezzo plausibile se il soggetto vuol continuare a contribuire direttamente nel suo piccolo; in fondo cosa costa dare un colpo al cerchio e uno alla botte, per usare una metafora alla Bersani, pur di non essere tagliato fuori da quelle logiche e dai quei poteri occulti che hanno preso in mano le coscienze, prima che questo Paese.

Ed è di questo che si parla.

Di un esempio che non c’è più.





Caro Partito Democratico, noi ti salutiamo e ti auguriamo di ritrovare e rendere percepibile la tua voglia di politica corretta, dell’idea che vince sulla tessera del cliente, perché ogni volta che qualcuno cede il suo voto, sta cedendo la sua dignità. E questo tu, non glielo hai mai raccontato. Gli racconti che con la tessera e col voto può chiamarti in qualsiasi momento se hai un problema, può domandarti di aiutarlo, perché lui a differenza degli altri sostiene la tua causa. La corsia preferenziale del tifoso. Ma tu ti sei voluto chiamare Democratico, e dovresti quindi essere di tutti, anche di chi non ti vota e non ti rispetta, di chi pensa che non vali molto o addirittura per niente. E’ questa una sana ricetta. E ben venga il sostegno genuino e l’adesione alla causa. Ma sappi che le buste piene di tessere sono il simbolo di una mancanza di decenza, di senso e di eleganza politica che vorrebbero il sostenitore partecipe e attivo, e non passivo costruttore di una
causa che resta nelle mani di pochi.



E quando ti guardiamo lì, in alto sotto le luci della ribalta e non nella nostra città, ci accorgiamo di come dall’ essere la più grande forza riformista del paese, sei finito con l’essere un partito di governo destinato alla sconfitta in quanto alla ricerca di un’identità non ancora definita. Sei arrivato a chiedere alleanze improponibili a partiti che poco hanno a che fare con il tuo elettorato, dialoghi con leader capaci di essere solidali con Totò Cuffaro e che i cinque minuti dopo ti parlano di responsabilità nazionale; e se vuoi, ancor peggio al tuo interno hai chi come Follini si dice dispiaciuto per il siciliano, per la vicenda umana di chi ogni giorno ha vigliaccamente abusato del potere contribuendo con le sue azioni a ferire mortalmente una terra tanto bella quanto addolorata.

Ora non basta più neanche la Cassazione. Ma un dubbio resta: perchè nessuno si è scagliato contro tanta indecenza? Per la libertà di espressione?

E\' di questo che si parla.

Di un esempio che non c\'è più.



A noi non importava se perdevi, a noi che vedevamo in te ancora una lontana e fredda luce di speranza per e con cui lottare.

Ma non tutte le sconfitte pesano allo stesso modo. E tu ormai hai scelto di proseguire sulla via dell’indecisione, del non detto, dando per scontato che qualcuno creda che l’hai pensato e che ovviamente non potrebbe essere altrimenti, sulla via dell’avete ragione tutti ma in fondo non posso schierarmi, non vorrei perdere altri pezzi. In un momento delicato come questo, quando la crisi globale è in grado di spegnere l\'energia di intere nazioni, tu non ti schieri. Mirafiori, vittima di un ricatto, è una ferita ancora pulsante.



Questi anni, questo nuovo ventennio che abbiamo e stiamo attraversando lascerà a questo Paese delle cicatrici tanto profonde quanto impalpabili perchè a ferirlo sono state le lame dell\'egoismo e dell\'invidia, le lame di un pudore che non c\'è più e che ha lasciato il suo posto a tutto ciò che non implica la virtù e la decenza. Non c\'è più rispetto per l\'individuo, non c\'è più fratellanza o solidarietà, soltanto la voglia di arrivare, arrivare, arrivare sempre più in alto, sempre più su, usando la debolezza degli altri come la pedata di un gradino su cui salire prima di passare al successivo.



Noi sentiamo che non è questo ciò contro cui tu ti batti, tu che ti sei adagiato su un modello etico e politico in grado di tessere trame con l\'edilizia, con la sanità e con l\'impresa dimenticandosi di cosa fosse il bisogno e la precarietà. Tu che avresti dovuto istruire il tuo popolo attraverso i tuoi rappresentanti a vergognarsi quando cessa anche con piccoli espedienti di essere incorruttibile e probo, sei diventato nelle realtà locali un ulteriore contenitore di affarismi legati all\'immoralità e al degrado di una funzione pubblica la cui credibilità resterà intaccata per tanto tempo ancora.

Hai smesso di piangere le lacrime di chi sentiva di potersi fidare e affidare a te.



Noi lo sentiamo, non siamo soli, non possiamo essere i soli a vivere questo disagio, o saremmo un gruppo di folli che si è dato appuntamento. Il fatto che tu sia il partito più grande e votato non ci intimidisce, né è uno stimolo a darti credito. La tua grandezza è data dal tuo popolo, non da te stesso.



E forse col tempo anche il tuo popolo si renderà conto che si sta facendo tardi, il tempo per poter costruire qualcosa di diverso sta scadendo, e tu sei ancora intrappolato a fissare il tuo riflesso.



Chiamaci folli, chiamaci ragazzi, chiamaci sognatori, chiamaci falliti, dicci che non andremo da nessuna parte, che finiremo a raccontarci delle favole belle davanti al focolare. Non importa. Abbiamo scelto, convinti che non si giochi con il bisogno, non si giochi con la disperazione di chi non ha lavoro, non si giochi con l’ignoranza delle persone, non si giochi con un ambiente che presto arriverà al collasso.



Perché sì, la politica è un gioco, ma crediamo sia arrivato il momento di riscrivere le regole, se davvero è ancora possibile sperare in un’Italia migliore.

Ed è da qui che cominciamo.



I Giovani Democratici di Tivoli passano a Sinistra Ecologia e Libertà.







Il segretario dei Giovani Democratici di Tivoli

Damiano Leonardi



Firmano il documento i Giovani Democratici



Alessio Aglione

Marco Alessandrini

Marco Altamura

Martina Angeletti

Federico Battisti

Vincenzo Botta

Adriano Capasso

Greta Cherubini

Zeno Civitareale

Eleonora Coccia

Massimo Coccia

Melissa Coccia

Serena D\'Amato

Giovanni Dell\'Isola

Valentina Dell\'Isola

Davide Fabi

Simone Frattini

Annalisa Giosuè

Marianna Lembo

Michele Lembo

Nicoletta Lopez

Jacopo Macrì

Alessandro Marini

Samuel Martini

Enrica Martiradonna

Nazzareno Marziale

Raissa Mascitti

Alessandro Maso

Daniele Mezzaroma

Francesco Nobilia

Josè Luis Noriega

Pietro Onorati

Sofia Palemerini

Valentina Scardala

Riccardo Spagna

Tiziano Teodori

Vera Teodori

Luca Tosi

Gabriele Ventura

Gabriele Vertuani

Veronica Zingarelli

Firma La Petizione

Firma con Facebook
O

Se disponi già di un account esegui il login, altrimenti procedi alla registrazione e firma riempiendo i campi qua sotto.
Email e password saranno i tuoi dati account, potrai così firmare altre petizioni dopo aver eseguito il login.

Privacy nei motori di ricerca? Usa un soprannome:

Attenzione, l'email deve essere valida al fine di poter convalidare la tua firma, altrimenti verrà annullata.

Confermo la registrazione ed accetto Uso e limitazioni dei servizi

Confermo di aver preso visione della Privacy Policy

Acconsento al Trattamento dei dati personali

Bacheca

Chi ha firmato questa petizione ha visto anche queste campagne:

Firma La Petizione

Firma con Facebook
O

Se disponi già di un account esegui il login

Commento

Confermo la registrazione ed accetto Uso e limitazioni dei servizi

Confermo di aver preso visione della Privacy Policy

Acconsento al Trattamento dei dati personali

Obiettivo firme
15 / 500000

Firme Recenti

  • 18 maggio 201215. Pippo Proietto
    Sottoscrivo questa petizione
  • 18 maggio 201214. Aleramo Polimeni
    Sottoscrivo questa petizione
  • 18 maggio 201213. Anacleto Roshi
    Sottoscrivo questa petizione
  • 18 maggio 201212. Elpidio
    Sottoscrivo questa petizione
  • 18 maggio 201211. Elifio
    Sottoscrivo questa petizione
  • 18 maggio 201210. Ninfa
    Sottoscrivo questa petizione
  • 18 maggio 20129. Mennone
    Sottoscrivo questa petizione
  • 17 maggio 20128. Gianmario
    Sottoscrivo questa petizione
  • 17 maggio 20127. Fabrizio Girotto
    Sottoscrivo questa petizione
  • 17 maggio 20126. Zelinda Accornero
    Sottoscrivo questa petizione
  • 17 maggio 20125. Augusto Verrua
    Sottoscrivo questa petizione
  • 17 maggio 20124. Gaudenzia Cannella
    Sottoscrivo questa petizione
  • 17 maggio 20123. Agapito
    Sottoscrivo questa petizione
  • 08 marzo 20112. luisa ester citterio (non verificato)
    Sottoscrivo questa petizione
  • 18 febbraio 20111. qlmwg582
    Sottoscrivo questa petizione

Informazioni

Tags

Nessuna tag

Condividi

Invita amici dalla tua rubrica

Codici Per Incorporamento

URL diretto

URL per html

URL per forum senza titolo

URL per forum con titolo

Widgets