Se Berlusconi riforma la Giustizia faremo una rivolta popolare. firma ora

Berlusconi ha in mente una riforma della giustizia di ampio respiro, che parta dal ritorno all‘immunità parlamentare, così come era concepita dalla Costituzione prima di Tangentopoli. Nel ’93, infatti, è stato ridimensionato l’articolo 68. Oggi i magistrati devono chiedere l’autorizzazione alla Camera di appartenenza per arrestare, perquisire o usare le intercettazioni di un parlamentare. Berlusconi invece vuole tornare alle origini, quando i pm chiedevano l’autorizzazione anche per iniziare le indagini a carico di un parlamentare.

Stretta sul fronte intercettazioni tornando al testo della legge uscito dal Senato. Intercettazioni vietate per reati con pene infieriori ai 10 anni (tra cui anche la corruzione), eseguibili per un massimo di 75 giorni e poi rinnovabili di 10 in 10. Le intercettazioni poi, non potranno essere pubblicate fino alla conclusione delle indagini preliminari.

Carriere separate per giudici e pubblici ministeri. Il Pdl, per garantire l’assoluta terzietà del giudice nei processi, vorrebbe dividere nettamente le due carriere della magistratura, inquirente e giudicante. Il Consiglio superiore della magistratura, che valuta la carriera dei magistrati, dovrebbe quindi essere diviso in due. Previsto anche un ulteriore scorporo, tra una sezione del Csm che si occupa di promozioni e valutazioni e una sezione dedicata ai procedimenti disciplinari.

Per tutelare il diritto i diritti della difesa, il Pdl pensa inoltre all‘inappellabilità delle sentenze di assoluzione in primo grado. In sostanza, chi viene assolto in primo grado di giudizio, non può vedere la sentenza impugnata dalla procura davanti al Tribunale d’Appello.

La riforma prevede anche la responsabilità civile del magistrato. Secondo questa norma, il magistrato che commette un errore professionale, dovrà risarcire i danni in prima persona. Una Corte speciale sarà chiamata a giudicare sulla effettiva responsabilità delle toghe.

Più poteri al ministro della Giustizia: il Guardasigilli potrà partecipare alle sedute del Plenum del Csm (senza però avere diritto di voto). In più potrà dare linee di indirizzo alle procure, segnalando, per esempio, su quale fenomeno criminale dover intervenire in maniera prioritaria.

Più poteri alla polizia giudiziaria, che si tratti di polizia, carabinieri o Finanza. Gli agenti potranno svolgere autonomamente accertamenti sui reati con meno vincoli rispetto alla magistratura inquirente, come prevede invece l’attuale codice di procedura penale, riformato nel 1989.

IO NON CI STO!!!

Firma La Petizione

Firma con Facebook
O

Se disponi già di un account esegui il login, altrimenti procedi alla registrazione e firma riempiendo i campi qua sotto.
Email e password saranno i tuoi dati account, potrai così firmare altre petizioni dopo aver eseguito il login.

Privacy nei motori di ricerca? Usa un soprannome:

Attenzione, l'email deve essere valida al fine di poter convalidare la tua firma, altrimenti verrà annullata.

Confermo la registrazione ed accetto Uso e limitazioni dei servizi

Confermo di aver preso visione della Privacy Policy

Acconsento al Trattamento dei dati personali

Bacheca

Chi ha firmato questa petizione ha visto anche queste campagne:

Firma La Petizione

Firma con Facebook
O

Se disponi già di un account esegui il login

Commento

Confermo la registrazione ed accetto Uso e limitazioni dei servizi

Confermo di aver preso visione della Privacy Policy

Acconsento al Trattamento dei dati personali

Obiettivo firme
17 / 500000

Firme Recenti

Informazioni

Antonio Di StefanoDa:
Politica e GovernoIn:
Destinatario petizione:
GOVERNO ITALIANO

Tags

Nessuna tag

Condividi

Invita amici dalla tua rubrica

Codici Per Incorporamento

URL diretto

URL per html

URL per forum senza titolo

URL per forum con titolo

Widgets