Settimana corta al Liceo Cavalieri firma ora

Lettera aperta al Dirigente scolastico del
Liceo Cavalieri Verbania


“Conoscere per deliberare” amava ripetere Luigi Einaudi, abbiamo perso la speranza che lo facciano i nostri politici, spesso invischiati in interessi che solo apparentante hanno a che fare con il tanto sbandierato “bene comune”, speriamo che non rinuncino a questa imprescindibile necessità di approfondimento prima di prendere le decisioni i tecnici e primi tra tutti quelli che hanno nelle loro mani il futuro dei nostri figli: gli insegnanti.

Ci riferiamo alla questione dell’orario di lezioni del prossimo anno che, senza clamore, (ci aspettiamo che quando dovessero sollevarsi dal coro dei bisbigli le voci discordi, magari trovando spazio sui media, si sia pronti anche a minimizzare definendolo “sperimentale”) si sta profilando all’orizzonte.

“Conoscere per deliberare”. Ci chiediamo dunque se sia stata fatta un’attenta valutazione, non solo sui tempi di permanenza in aule ma anche sulle necessità di spostamento degli alunni e di come questi si concilino con la disponibilità di mezzi di trasporto pubblici, con i tempi necessari per lo studio, per il recupero psico-fisico dalla fatica, con i grado di attenzione per le lezioni.

Quanti sono dunque gli alunni che vengono da fuori sede? La risposta è facilissima, basta consultare il data base della segreteria. Più difficile è rispondere in maniera documentata alle seguenti domande:
Quali i tempi per il loro rientro a casa con i mezzi pubblici dopo le lezioni?
Qual è il tempo medio dedicato allo studio dai nostri ragazzi, quali le programmazioni adottate per le verifiche, qual è il tempo medio che i ragazzi dedicano alle attività extrascolastiche proposte dalla scuola o in risposta agli stimoli della società civile (sport, lettura, relazioni)?
Qual è il grado di attenzione che i nostri figli possono mantenere, costante ed intensa, assistendo alle ore di lezione?
Qual è l’impatto che un improvviso e non programmato cambiamento di orario delle lezioni ha sull’organizzazione di centinaia di famiglie?
Quale sarà il tempo effettivo di un’ora di lezione: 50 o 60 minuti?
Quali sono le norme dell’Unione Europea che disciplinano l’orario di lavoro? Possono queste norme essere derogate quando si tratta di studio e non di lavoro?
Alla luce delle risposte date alla Presidente del Comitato dei Genitori (niente attività scolastica al sabato, niente giornate da 7 ore di lezione, nessun rientro pomeridiano) che cosa succede alle ore settimanali eccedenti le 30?

Sono queste alcune delle domande che si fanno molti genitori dei quali ci siamo permessi di raccogliere il dissenso.

Vede, Signora Preside, anche se si volesse vedere nella scuola semplicemente un “servizio” chi lo offre non si può comportare come se fosse, di fatto un “monopolista”, non ci è infatti possibile, se non a prezzo di gravi e maggiori disagi, cambiare la scuola per i nostri figli, ma il “contratto formativo” che noi genitori abbiamo firmato alcuni anni fa non può essere stracciato all’improvviso, senza che sia data evidenza di tutti gli elementi di conoscenza che stanno alla base della decisione.

Diverso potrebbe essere per i “nuovi contraenti” quelli che si iscrivono oggi, questi nuovi utenti del servizio sono preventivamente informati che il “patto formativo” prevede la concentrazione delle ore su cinque giorni la settimana. A costoro, una proposta è stata legittimamente formulata, ed hanno liberamente deciso di iscrivere il proprio figlio al Liceo piuttosto che ad un altro Istituto. In fondo anche una banale compagnia telefonica attiva le sirene pubblicitarie della “comodità”, della “semplicità” del “tutto incluso” ma non si azzarda a toccare il piano tariffario che è alla base del nostro contratto.

Signora Preside, forse è passato troppo tempo da quando è stata “educatrice” ed è compresa ormai nel suo nuovo ruolo di “dirigente”, le chiediamo dunque di comportarsi da manager e di tenere conto di tutte le variabili, dirette e indirette, implicate in una decisione così grave. Da parte nostra le possiamo assicurare che faremo altrettanto, affrontando la questione da un punto di vista ovviamente diametralmente opposto, non escludendo ogni forma di opposizione, anche sotto il profilo della legittimità rispetto alla decisione che intende adottare.

Sull’argomento si è riunito il collegio docenti, vorremmo però che si sentisse anche la voce dei genitori, per questo motivo le chiediamo quanto prima di voler fissare un incontro.




Verbania, 22 maggio 2010

Per i genitori:
Lucia Rotolo
Eleonora Mancini
Tiziana Omezzolli





Seguiranno i nominativi delle adesioni che riceveremo via posta elettronica una volta completata la raccolta.

Firma La Petizione

Firma con Facebook
O

Se disponi già di un account esegui il login, altrimenti procedi alla registrazione e firma riempiendo i campi qua sotto.
Email e password saranno i tuoi dati account, potrai così firmare altre petizioni dopo aver eseguito il login.

Privacy nei motori di ricerca? Usa un soprannome:

Attenzione, l'email deve essere valida al fine di poter convalidare la tua firma, altrimenti verrà annullata.

Confermo la registrazione ed accetto Uso e limitazioni dei servizi

Confermo di aver preso visione della Privacy Policy

Acconsento al Trattamento dei dati personali

Bacheca

Chi ha firmato questa petizione ha visto anche queste campagne:

Firma La Petizione

Firma con Facebook
O

Se disponi già di un account esegui il login

Commento

Confermo la registrazione ed accetto Uso e limitazioni dei servizi

Confermo di aver preso visione della Privacy Policy

Acconsento al Trattamento dei dati personali

Obiettivo firme
37 / 50

Firme Recenti

vedi tutte le firme

Informazioni

Mario BrignoneDa:
Scuola ed educazioneIn:
Destinatario petizione:
Dirigente scolastico Liceo Cavalieri Verbania

Sostenitori ufficiali della petizione:
Lucia Rotolo, Eleonora Mancini, Tiziana Omezzolli

Tags

liceo cavalieri, settimana corta

Condividi

Invita amici dalla tua rubrica

Codici Per Incorporamento

URL diretto

URL per html

URL per forum senza titolo

URL per forum con titolo

Widgets