VOGLIAMO LE SCUSE UFFICIALI. firma ora

La scuola pubblica è un bene di tutti.

La scuola pubblica cade a pezzi: crollano i soffitti, non ci sono soldi (circa 8 miliardi di euro in meno in tre anni)- neanche per le fotocopie o la carta igienica -, 150.000 docenti buttati fuori, lo stipendio di un docente italiano è tra i più bassi nei paesi occidentali.
A ciò si aggiunge una campagna di stampa denigratoria martellante: i docenti sono accusati a giorni alterni di essere fannulloni o incompetenti.

Ci si aspetterebbe dal proprio Presidente del Consiglio almeno rispetto e riconoscenza per chi, come noi insegnanti, senza risorse, senza sostegni, armati solo della nostra pazienza, dell’amore per il nostro lavoro e per i nostri allievi, della nostra dignità, lavoriamo tutti i giorni in totale solitudine, essendo spesso sul territorio l’unico presidio per dei giovani esposti al rischio della dispersione,del disagio, della precarietà, della tossicodipendenza.

Ci siamo abituati –amaramente- a non aspettarci medaglie al merito! Nessuna forma di riconoscimento. Bene. Ma c’è un limite a tutto. Il nostro Presidente del Consiglio dice che il nostro lavoro nelle scuole è pericoloso, noi “inculchiamo” valori e idee diverse dal quelle giuste...

Diciamola tutta: il Presidente ha ragione. La scuola pubblica è pericolosa, pericolosissima, perché è pluralista, perché non è la scuola di un partito, di una filosofia, di una religione, perché è la scuola di tutti, che accoglie e rispetta anche chi la pensa diversamente o professa un’altra religione o nessuna religione, o chi viene dai paesi lontani, o chi è affetto da disabilità, in una parola è la scuola disegnata dai padri costituenti: in quell’articolo, che Piero Calamandrei nel suo celeberrimo discorso sulla scuola pubblica definì il più importante della nostra Costituzione, l’ art. 34 è scritto: “La scuola è aperta a tutti. I capaci ed i meritevoli, anche se privi di mezzi, hanno diritto di raggiungere i gradi più alti degli studi”.

Piero Calamandrei definì la scuola pubblica “organo costituzionale”, “perché solo essa può aiutare a scegliere, essa sola può aiutare a creare le persone degne di essere scelte, che affiorino da tutti i ceti sociali”. Seminarium rei publicae, palestra di libertà e presidio della democrazia, la scuola pubblica è un organo costituzionale ed è un bene di tutti. Se ci sono, come ci sono, carenze o problemi o aspetti da ripensare riformare migliorare o correggere, dobbiamo garantire il nostro impegno come cittadini per lavorare su queste questioni.

Ma non è possibile, non è accettabile, non è tollerabile che il Presidente del Consiglio continui a parlare in questi termini.

Come insegnanti e come cittadini chiediamo le scuse ufficiali del Presidente del Consiglio on. Silvio Berlusconi per le esternazioni pubbliche fatte sulla scuola pubblica italiana.

Firma La Petizione

Firma con Facebook
O

Se disponi già di un account esegui il login, altrimenti procedi alla registrazione e firma riempiendo i campi qua sotto.
Email e password saranno i tuoi dati account, potrai così firmare altre petizioni dopo aver eseguito il login.

Privacy nei motori di ricerca? Usa un soprannome:

Attenzione, l'email deve essere valida al fine di poter convalidare la tua firma, altrimenti verrà annullata.

Confermo la registrazione ed accetto Uso e limitazioni dei servizi

Confermo di aver preso visione della Privacy Policy

Acconsento al Trattamento dei dati personali

Bacheca

Chi ha firmato questa petizione ha visto anche queste campagne:

Firma La Petizione

Firma con Facebook
O

Se disponi già di un account esegui il login

Commento

Confermo la registrazione ed accetto Uso e limitazioni dei servizi

Confermo di aver preso visione della Privacy Policy

Acconsento al Trattamento dei dati personali

Obiettivo firme
54 / 100000

Firme Recenti

vedi tutte le firme

Informazioni

Gustavo MatassaDa:
Scuola ed educazioneIn:
Destinatario petizione:
Governo, istituzioni, scuole,associazioni

Sostenitori ufficiali della petizione:
Docenti della scuola pubblica

Tags

Nessuna tag

Condividi

Invita amici dalla tua rubrica

Codici Per Incorporamento

URL diretto

URL per html

URL per forum senza titolo

URL per forum con titolo

Widgets